E' il tempo giusto per "Nuovola numero nove" di Samuele Bersani, in uscita dal 10 settembre.

Bersani1Dieci sorprendenti brani che raccontano storie di sentimenti e relazioni umane e svelano uno sguardo inedito dell’artista.

È un Samuele Bersani inedito e trasformato quello che si svela attraverso testi e note del suo nuovo album “Nuvola Numero Nove”, in uscita nei negozi e negli store digitali il 10 settembre su etichetta Sony Music. Traduzione letterale dell’inglese “cloud nine”, che in italiano sta per “settimo cielo”, “Nuvola Numero Nove” è un disco ispiratissimo e sintomatico di un momento di serenità dell’artista.[tube]http://www.youtube.com/watch?v=f6WvZS1yxA0[/tube]

Ad offrire un assaggio dei contenuti e delle atmosfere musicali che hanno segnato l’ispirazione di questo nuovo progetto è arrivato, durante l’estate  il brano “En e Xanax”. Subito catturato dalla rete di youtube è nato sulla scia di un incontro personale inatteso quanto travolgente. Racconta la storia di due persone sorprese da un sentimento che regala loro il coraggio di mostrare l’uno all’altra i propri limiti e le proprio debolezze, tanto da trasformarli in una forza.

Bersani2Si distinguono per cura e sensibilità dei versi, oltre a “Chiamami Napoleone” e “D.A.M.S.”, anche  canzoni come “Complimenti”, “Desirée”, “Ultima chance”, “Settimo cielo”, “Reazione umana”, “Spia polacca” e “Il re muore”: comun denominatore la  cura e la  sensibilità, per alcuni versi, completamente rigenerata, che lascia intravedere Samuele  sulla via di una nuova “indagine” tesa a stupirci per  l’unicità del suo sguardo sulle cose e per la poesia con cui le racconta.

Piccola nota a parte meritano i brani Spia polacca, Desirée e Il re muore, che Bersani ha composto con la collaborazione di giovani musicisti scoperti per caso sul web: Gaetano Civello (Spia polacca), Gregorio Salce e Matteo Fortuni (Desirée), la band degli Egokid (Il re muore).

images-baldazzi-227x104Tra le note di sensibilità presenti, tra le righe,  di questo album che arriva a quattro anni di distanza dalla pubblicazione di  “Manifesto Abusivo” – l’ultimo di inediti -non può non essere presente un pensiero alla morte di due suoi grandi amici. Parliamo di Lucio Dalla e di, naturalmente, di   Gianfranco Baldazzi, scomparso lo scorso 25 giugno.  Grande paroliere e immenso poeta prestato alla musica – scrisse, tra le altre, proprio “Piazza grande” –  al quale Samuele Bersani deve il suo lancio nella discografia.

Per saperne di più su “Nuovola numero nove” naviga sulla pagina ufficiale di Facebook di Samuele
https://www.facebook.com/samuelebersaniofficial‎

di Giovanni Pirri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...