Telefono Azzurro, triplicati i casi di adescamento online. Papa: proteggere i bimbi

485x285 NON STIAMO ZITTI HP_TA

ANSA/ Telefono Azzurro, boom segnalazioni di adescamento online
Raddoppiati i casi di abusi da estranei. Papa,proteggere i bimbi

(ANSA) –  L’orco si adegua alle nuove tendenze e usa i più moderni mezzi di comunicazione per trovare e catturare le sue prede.

E’ per questo che i casi di adescamento online segnalati a Telefono Azzurro sono triplicati in soli due anni e che aumenta la percentuale degli autori di abusi sessuali che non appartiene alla famiglia (tradizionale ambito nel quale nella maggior parte dei casi si consumano le violenze) o è amico di famiglia ma è estraneo al minore, perchè appunto conosciuto in Rete.

I nuovi dati del 114, il numero Emergenza Infanzia di Telefono Azzurro, saranno resi noti il 5 maggio prossimo, Giornata nazionale della lotta alla pedofilia e alla pedopornografia, in una conferenza organizzata a Roma (Palazzo Ferrajoli, ore 9.30) dal titolo “Lotta alla pedofilia: nuovi strumenti per un’azione concreta”.

Una parte di questi dati è stata anticipata all’ANSA. E proprio il Papa è nuovamente intervenuto sul tema, in piazza San Pietro, esortando a impegnarsi “tutti, affinché ogni persona umana, e specialmente i bambini, sia sempre difesa e protetta”. In due anni, dunque, dal 2012 al 2014, i casi di adescamento online sono passati dal 4,4% al 14,2% del totale delle segnalazioni al 114.

Mettendo insieme l’adescamento e la pedopornografia online, la percentuale sale al 22,2%. Nel 2014 il 114 ha gestito complessivamente 2.402 situazioni di emergenza, di cui 113 casi di abuso sessuale (4,8%). La percentuale di adulti responsabili di abusi sessuali estranei al minore è quasi raddoppiata: dal 14,5% (2012) al 23,5% (2013) al 27,4% (2014). In linea quindi con l’elevato numero di casi di abusi sessuali perpetuati attraverso Internet. I dati confermano poi il ‘primato’ femminile delle vittime di abusi (71,9%) e l’alta percentuale dei minori di 11 anni vittime di abusi (43,8%), mentre crescono molto le segnalazioni che riguardano vittime adolescenti (dal 16,7% del 2012 al 25% del 2014). Le femmine tendono ad essere più spesso vittime di adescamento mentre la pedopornografia coinvolge in egual misura i due sessi. Alta infine la percentuale di vittime di abuso di origine straniera (20% dei casi).

I nostri dati – commenta il presidente di TelefonoAzzurro, Ernesto Caffoconfermano che l’uso della Rete è diventato un elemento sempre più presente. E che lo scenario social si è abbassato come età. E’ sempre più facile per gli adulti inserirsi nelle conversazioni tra minori: il pedofilo spesso è una persona lucida che sa usare i meccanismi di relazione per superare le barriere difensive dei ragazzi e dei bambini“. E spesso, sottolinea, i genitori non se ne rendono conto.

Per fortuna, aggiunge, “i ragazzi tra di loro parlano e affrontano queste sfide in modo spesso adeguato. Si creano degli anticorpi e capita che i ragazzi aiutino i più piccoli. Oggi l’accesso ai social è molto precoce, da 9-10 anni in su se non prima”.

Caffo punta il dito contro gli adulti che regalano gli smartphone ai figli pensando di dargli un semplice telefono: “non si rendono conto che invece è la chiave di accesso al mondo, ha potenzialità infinite. E i bambini sanno esattamente come usarli, molto più dei loro genitori, e riescono a entrare in certi siti, ad esempio quelli di dating online o chat roulette (dove si possono contattare persone senza farsi riconoscere, ndr) che permettono ai minori di conoscere tematiche inimmaginabili per gli adulti”. Insomma, “tutto ciò richiede una cultura collettiva e un impegno per aiutare i ragazzi e i bambini. Occorre anche attivare le leggi che abbiamo, colpire con misure severe gli adulti che entrano in rete per fini di sfruttamento e di abuso” conclude.

http://www.nonstiamozitti.azzurro.it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...