BAREZZI FESTIVAL 2016: PRESENTATO OGGI TUTTO IL PROGRAMMA.

barezzi-photovisi-download_2

DAL 3 AL 14 NOVEMBRE A PARMA E DINTORNI PHILIP GLASS con MAKI NAMEKAWA, JENNY LIN e ROBERTO ESPOSITO  | BRAD MEHLDAU E JOSHUA REDMAN | BENJAMIN CLEMENTINE |PEPPE VOLTARELLI | ENZO AVITABILE | AEHAM AHMAD | TEHO TEARDO E ELIO GERMANO E ANCORA GOLD PANDA | CLAP CLAP | GIARDINI DI MIRÓ | MARIANNE MIRAGE | PLAID AND THE BEE | OPTOGRAM | L. A. SALAMI | AUCAN | AARON | ACID ARAB | ORNAMENTS | WINTER DIES IN JUNE | JULIE’S HAIRCUT | EU BOLOS

Minimalismo, jazz, rock, elettronica, world music. “È il contemporaneo, bellezza!” viene subito da pensare scorrendo il programma della decima edizione del Barezzi Festival che, dal 3 al 14 novembre, trasformerà i teatri di Parma e della sua provincia nel punto di convergenza dei suoni da tutto il mondo e di quelle mille sfumature della musica di oggi che mantiene vivo un legame con la musica di altri tempi. Brad Mehldau e Joshua Redman, Benjamin Clementine, Teho Teardo ed Elio Germano, Aeham Ahmad sono soltanto le punte di diamante di una line up che ai nomi di primissimo piano della scena musicale internazionale unisce il gusto per la ricerca e l’attenzione per i talenti emergenti. Ospiti d’onore di un importante anniversario che si chiuderà il 14 novembre al Teatro Regio di Parma con il grande concerto di Philip Glassdata unica in Italia, in collaborazione con la Fondazione Teatro Regio di Parma – che, insieme a Maki Namekawa, Jenny Lin e Roberto Esposito, presenterà per la prima volta al pubblico italiano i suoi celeberrimi “20 Etudes”.

Saranno 2 giganti della scena jazz mondiale, capaci di catalizzare l’entusiasmo dei più raffinati appassionati in ogni angolo del pianeta, ad aprire le danze della decima edizione del Barezzi Festival: giovedì 3 novembre in concerto al Teatro Regio di Parma il pianista Brad Mehldau e il sassofonista Joshua Redman. Considerato uno dei più influenti pianisti degli ultimi 20 anni, Mehldau suona alternando composizioni originali agli standard, oltre a reinterpretare in chiave jazz alcune perle del rock con particolare predilezione per i Radiohead e Nick Drake. Principalmente sassofonista, Joshua Redman suona diversi strumenti e si è formato in modo eclettico, arrivando a studiare anche la musica indonesiana. Figlio del famoso sassofonista Dewey Redman, è cresicuto in un ambiente frequentato da artisti del calibro di Keith Jarrett.

Al centro dello stesso palco, quello del Teatro Regio di Parma, il giorno seguente, venerdì 4 novembre, sarà la volta di Benjamin Clementine, uno dei più brillanti esponenti del nuovo cantautorato internazionale la cui voce e la cui eleganza sono ormai nel cuore del più raffinato pubblico internazionale. Clementine incarna il romanticismo impulsivo del XXI secolo e la sua poesia sembra opprre una forma di resistenza alle dinamiche ultraveloci della contemporaneità.

Domenica 6 novembre, nel giorno del conferimento del Premio Barezzi, ancora 2 concerti imperdibili che promettono grandi emozioni: alle 18 al Teatro Pallavicino di Zibello si esibirà il pianista siriano Aeham Ahmad, ormai internazionalmente noto come il leggendario pianista di Yarmouk. Artista carico di speranza, ha combattuto la sua personale battaglia contro la barbarie della guerra suonando il pianoforte nel campo palestinese alle porte di Damasco, stretto fra i bombardamenti e le crudeltà dei miliziani dell’Is. Oggi, dopo un lungo viaggio che lo ha portato, insieme a tanti altri migranti, dalla Siria a Berlino, incanta i teatri di tutta Europa. La serata continuerà al Teatro Verdi di Busseto che ospiterà invece Enzo Avitabile, tra i più influenti e seguiti musicisti dediti alla musica popolare, in Italia e non solo. Formatosi con la musica classica e approdato dopo anni di ricerca al world beat, Avitabile è l’unico musicista italiano (insieme a Luciano Pavarotti) ad aver duettato con il leggendario James Brown e il fascino della sua carriera artistica è stato celebrato dal premio oscar Jonathan Demme nel documentario “Enzo Avitabile Music Life”. Il concerto di Enzo Avitabile sarà aperto da Peppe Voltarelli.

L’intenso flusso musicale del Barezzi Festival troverà lunedì 7 novembre, al Teatro al Parco di Parma, un suo primo punto di arrivo nello spettacolo di Teho Teardo e Elio Germano “Viaggio al termine della notte”. Fra archi, chitarre a live electron ics, Teardo ripercorre, con una partitura completamente rinnovata nelle musiche e nei testi, il capolavoro disperato di Louis Ferdinand Cèline. Una fusione di sonorità cameristiche che guardano a un futuro tecnologico, nel quale le immagini evocate dal testo interpretato da Germano si inseriscono nelle atmosfere cinematiche di Teardo

Vero atto di chiusura e grande evento speciale, infine, l’attesissimo concerto di Philip Glass lunedì 14 novembre al Teatro Regio di Parma, a completare in modo maestoso un programma di altissimo profilo. In occasione di questa data unica in Italia, realizzata in collaborazione con la Fondazione Teatro Regio di Parma, Philip Glass, accompagnato da Maki Namekawa, Jenny Lin e Roberto Esposito, suonerà per la prima volta davanti al pubblico italiano i suoi celeberrimi “20 Etudes”. Icona della musica contemporanea, maestro del minimalismo e delle sue evoluzioni, Glass è tra i musicisti più noti al mondo, una vera leggenda vivente, al nono posto della classifica dei 100 geni stilata dalla rivista inglese The Telegraph. Recentemente il Presidente Barak Obama gli ha conferito la National Medal of Arts.

FRA ROCK ED ELETTRONICA

BAREZZI OFF E AFTER TANQUERAY

Grande spazio, in questa decima edizione del Barezzi Festival, alle esplorazioni sonore nei territori sconfinati della musica rock con il Barezzi Off e ai suoni digitali e ai bit urbani con i set elettronici di After Tanqueray. Si parte il 3 novembre alle 18 alla Chiesa di San Tiburzio di Parma con il grunge venato di psichedelica e l’ispirazione black della giovane e talentuosa Marianne Mirage, italiana ma in perenne movimento fra le grandi capitali musicali europee. Al via anche After Tanqueray nel Ridotto del Teatro Regio che, come la Sala Ipogea dell’Auditorium Paganini di Parma, per l’occasione si trasformerà in un vero e proprio club con tanto di drink station e i visual curati da Rino Stefano Tagliaferro e C999. Esplosivi i primi 2 set elettronici: la ritmica ossessiva ma stemperata dalle atmosfere ambient di Plaid and the Bee, duo britannicoche dal 2006 infiamma i migliori club del mondo, e le sonorità IDM, glitch, ambient e techno del duo tutto cittadino Optogram.

Considerato l’ultima frontiera del cantastorie urbano, L.A. Salami sarà il sacerdote che il 4 novembre celebrerà la funzione musicale delle 17 nella Chiesa di San Tiburzio mentre alle 18.30 in Piazza Ghiaia a Parma parola d’ordine sarà contaminazione con il trio bresciano, ma ormai di fama internazionale, Aucan che con gli esplosivi dj set fra elettronica e rock hanno conquistato gente come Chemical Brothers e Placebo. Doppio set in serata di nuovo al Ridotto del Teatro Regio con il duo francese electro-pop AaRON e, sempre dalla Francia, gli Acid Arab, alfieri di quella nuova scena che unisce l’elettronica con la tradizione sonora araba.

Il Barezzi offre un sabato denso di appuntamenti con alcuni degli approdi più estremi della scena indipendente durante la giornata del 5 novembre: al post rock/metal degli Ornaments, una delle realtà più geniali della scena underground italiana alla Chiesa di San Tiburzio alle 17, seguiranno, a partire dalle 18 in Piazza Ghiaia, il rock sofisticato dei Winter dies in June, la psichedelia cosmica dei Julie’s Haircut e il concerto della band culto Giardini di Mirò,fra le realtà più significative del rock europeo degli ultimi 20 anni. A questa panoramica sul rock più duro corrisponderà, durante la notte, una nuova incursione – stavolta nella Sala Ipogea dell’Auditorium Paganini di Parma – di After Tanqueray nelle innovazioni radicali della musica elettronica con le sperimentazioni di Eu Bolos,  l’afro-futirsmo di Clap Clap! e lo stile personalissimo, colto e raffinato di un signore londinese che risponde al nome di Derwin Schlecker, meglio conosciuto come Gold Panda.

LUOGHI

Ad ospitare gli appuntamenti in programma, oltre al Teatro Regio di Parma, al Teatro Verdi di Busseto, al Teatro al Parco e al Teatro Pallavicino di Zibello, alcuni fra i più suggestivi e simbolici luoghi, veri templi della musica di qualità come la Sala Ipogea dell’Auditorium Paganini di Parma e il ridotto del Regio che ospiteranno, novità di quest’anno, After Tanqueray, la programmazione della seconda serata dedicata alle performance di musica elettronica. Piazza della Ghiaia, nel cuore del centro storico della città, e la Chiesa di S. Tiburzio saranno invece le venues dedicate al rock e alla musica emergente con i concerti del Barezzi Off.

La decima edizione del Barezzi Festival è sostenuta dagli enti istituzionali locali: Regione Emilia-Romagna, i comuni di Parma, Busseto e Zibello. E’ inoltre sostenuta dalla Fondazione Teatro Regio di Parma, dal Teatro delle Briciole, da Conad – Sapori e dintorni, da Caffè Milani, da Diageo e da Tanqueray, ancora partner ufficiale, dopo la riuscitissima esperienza della passata edizione. Dopo ogni concerto sarà possibile degustare fantastici cocktail a base Tanqueray, il London Dry Gin più venduto al mondo ed inconfondibile per il perfetto equilibrio dei 4 botanicals che lo caratterizzano.

Prevendite su http://vivaticket.it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...