ARTURO STÀLTERI protagonista a BOLOGNA con i suoi “PRÉLUDES”: domenica 2 aprile

Arturo Stàlteri-foto

Dagli esordi con i Pierrot Lunaire alle collaborazioni, tra gli altri, con Briano Eno e Philip Glass. Il musicista romano è stato il pianista di Rino Gaetano, da “Ma il cielo è sempre più blu” a “Berta filava”

“Sono contento di tornare a suonare a Bologna, città dalla quale manco da 7 anni”. A parlare è il pianista Arturo Stàlteri che domenica 2 aprile (ore 21.30) sarà in concerto al “Bravo Caffè”. Nel corso del live, Stàlteri presenterà gran parte dei brani del suo ultimo album “Préludes”, uscito lo scorso 20 settembre: un disco che contiene 22 brani inediti. Un lavoro che, idealmente, prende spunto dai più grandi musicisti di ogni tempo: “Johann Sebastian Bach, Fryderyk Chopin, Claude Debussy, Alexander Scrjabin, Dmitrij Shostakovich: tutti questi artisti – spiega Stàlteri – hanno omaggiato la forma del Preludio, grazie alle loro raccolte di ventiquattro composizioni in tutte le tonalità maggiori e minori”.

In “Préludes” la figura di riferimento è Debussy, ma per un solo, semplice motivo: l’artista francese diede un titolo a ognuno dei suoi preludi (tranne che in un caso), così come ha fatto Stàlteri, il quale coglie a volte suggerimenti dal mondo della letteratura: a esempio, “Fils de naufragés” è ispirata a una poesia del bretone Xavier Grall, “Eowyn” alla trilogia di J. R. R. Tolkien, “Everyone picked strawberries” a Joseph Roth, mentre “Il sogno di Lydea” trae spunto dagli scritti di Patricia Mc Killip. Tre le altre fonti: la terra dell’eterna giovinezza (“Tir Na Nòg”) e il fascino delle terre nordiche (“Geyser”).

Nel corso del concerto al Bravo Caffè, non mancherà un omaggio a Franco Battiato, con una trilogia tratta dal penultimo disco di Stàlteri “In sete altere”, del quale l’artista siciliano ha curato la supervisione. In programma “Meccanica Due” (Battiato-Stàlteri), “The instrumental centro di gravità permanente” (Battiato-Stàlteri) e “Propiedad prohibida” (Battiato).

In 40 anni di carriera Stàlteri, compositore tra i più noti in Europa e fondatore negli anni Settanta del gruppo rock progressive Pierrot Lunaire, ha collaborato con musicisti del calibro di Philip Glass, Brian Eno e Battiato stesso giusto per citare qualche nome. È stato il pianista di Rino Gaetano: ha suonato in brani cult come “Ma il cielo è sempre più blu” (sua la famosissima intro), “Mio fratello è figlio unico”, “Berta filava”, “Sfiorivano le viole”, “Spendi spandi effendi” etc…

Arturo Stàlteri Live
Bravo Caffè,
via Mascarella 1,
Bologna – Inizio ore 21.30.

Info: www.bravocaffe.it;
info@bravocaffe.it;
tel. 051/266112-333/5973089.

Sito ufficiale
www.arturostalteri.wix.com/arturostalteri

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...