La montagna chiama Roma. Risponde il Teatro Arciliuto.

16602845_1128069993968812_3649808587014289957_n@Teatroarciliuto @atuttosocial @promosocialit

La montagna chiama Roma.

E così Martedì 21 febbraio il Teatro Arciliuto, nel cuore della Capitale, ospita uno spettacolo – concerto di improvvisazione letteraria e musicale, a favore della raccolta fondi organizzata dalla associazione Letterappenninica. 
L’obiettivo è 
la costruzione di un circolo ricreativo per il comune di Posta (Rieti), un piccolo centro sul comprensorio del Monte Terminillo, rimasto un pochino fuori dall’attenzione mediatica ma altrettanto drammaticamente colpito dal terremoto e dalle recenti violente nevicate.

E in favore della costruzione di una struttura in legno che diventi vitale luogo di incontro e scambio per la sua popolazione, l’associazione diretta da Federico Pagliai, scrittore, infermiere e volontario del Soccorso Alpino Speleologico sulla montagna pistoiese, ha già raccolto una gran parte della somma richiesta per raggiungere l’obiettivo.

Per partecipare all’iniziativa, la scrittrice e comedian Arianna Porcelli Safonov, romana di nascita ma “montanara” di adozione – autrice del fortunato libro “Fottuta campagna”, edito da Fazi – ha ideato una serata di improvvisazione dove porta i suoi monologhi tratti dallo spettacolo Ríding Tristocomico e pezzi inediti, alternati all’improvvisazione dei musicisti che hanno aderito al progetto: Massimo Nunzi, Direttore e compositore, sul palco nella veste di trombettista, Giovanni Di Cosimo (Tromba) con Marco Conti (sax), Arturo Valiante (Pianoforte), Paolo Pecorelli (basso), Marco Bonini (chitarra), Cristiano De Fabritiis (batteria). Tutti sulle tavole dell’Arciliuto che ha scelto con entusiasmo di partecipare e supportare l’iniziativa.

Onde ritmiche dunque per supportare un progetto che ancora una volta nasce dalla convinzione che la cultura e i suoi luoghi di aggregazione siano un tassello fondamentale nella ricostruzione di un Paese, della sua identità e nella conservazione della sua storia e memoria.

10 Euro la quota richiesta per partecipare, anche se ci sarà comunque la possibilità di donare anche in loco.

La gestione dei fondi è a totale cura dell’associazione Letterappenninica che promuove e incentiva lo sviluppo e la diffusione delle arti letterarie sui crinali dell’Appennino pistoiese.

Ogni anno il festival Letterappenninica raduna artisti, autori e musicisti che danno voce agli Appennini di tutta Italia.

http://letterappenninica.it/index.php

Segui e condividi l’evento su FACEBOOK
https://www.facebook.com/events/150897288752887/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...